Chiesa Neo-Apostolica in Italia

News Chiesa regionale Italia

Un particolare servizio divino di festa a Milano
28.05.2017 / Milano-Centro
Gioia per la visita dell’apostolo di distretto Enrique Minio dall’Argentina.

Domenica 28 maggio 2017 nella nostra chiesa a Milano si sono riuniti fratelli e sorelle dell’intero distretto Italia Nord-Ovest per un'insolita visita: l'apostolo di distretto dell'Argentina Enrique Minio, che si trovava in Italia per un breve periodo di vacanza e diretto in Austria per l'imminente servizio divino di Pentecoste, che sarà trasmesso in diretta audiovisiva in tutto il mondo domenica 4 giugno 2017. Ha accompagnato l'apostolo di distretto Minio l’aiutante d'apostolo di distretto Giorgio Zbinden.

Progetti di pace e non di sventura
Quale base della predica ha usato il versetto 11 del capitolo 29 del libro del profeta Geremia: "Io, infatti, conosco i progetti che ho fatto a vostro riguardo - dice il Signore - progetti di pace e non di sventura, per concedervi un futuro pieno di speranza". Durante la predica è stato tradotto dallo spagnolo in italiano dall’evangelista A. Gaetani.

Quale omaggio a questo servo, il coro del distretto ha intonato in lingua spagnola l'inno "Alma escucha" (anima ascolta). Allora l'officiante, dopo un particolare ringraziamento, ha evidenziato come dobbiamo preparare la nostra anima davanti a Dio. Si potrebbe pensare che Geremia, vissuto tra il VI ed il VII secolo prima di Cristo, poco c'entri con la preparazione al prossimo servizio divino di Pentecoste. Tuttavia, l'apostolo di distretto ha messo in evidenza che ai tempi di Geremia, poco prima che il popolo di Israele fosse condotto in cattività in Babilonia, c'erano dei falsi profeti, i quali affermavano che non bisognasse preoccuparsi di nulla. Invece, Geremia affermava che sarebbero stati tempi difficili, proprio perché i nemici si avvicinavano alle porte e che sarebbero stati ridotti in schiavitù, ma che, ciononostante, avrebbero dovuto portare testimonianza di Dio.

Anche oggi, falsi profeti affermano che non dobbiamo preoccuparci se di tanto in tanto cadiamo nel peccato; una piccola bugia o una critica, non sono poi così gravi: tutti lo fanno. Il nemico non ha riguardo per la nostra fede.

La vecchia e la nuova creatura
Lo Spirito Santo, invece, dice di provare gli spiriti per capire se provengono da Dio o meno: così potremmo pensare che basti fare del bene, partecipare ai servizi divini, insomma essere buoni cristiani per raggiungere la nostra salvezza. Invece non basta, perché dobbiamo trasformare la vecchia creatura nella nuova, ad immagine di Gesù. Non dobbiamo paragonarci o criticarci gli uni con gli altri, ma dobbiamo paragonarci solo con Gesù. Non dobbiamo isolarci pensando di essere migliori di altri, ma dobbiamo continuamente essere testimoni di Dio e della Parola. Dobbiamo essere testimoni in pensieri, parole ed opere. Dio, con lo Spirito Santo, ci guida e ci consola, nel bene, verso la meta. Anche se nella lotta quotidiana il maligno ci suggerirà di trovare delle alternative e delle scorciatoie, vogliamo restare fedeli all’esempio di Gesù.

In questo particolare servizio divino il diacono Celestino Cruañas è stato posto a meritato riposo dall’attività ministeriale. Il diacono si è sempre contraddistinto proprio per l'annuncio incessante della Parola e per l'impegno nell’Opera di Dio. Per questo ministro, anch’egli di origine argentina come l'apostolo di distretto Minio, questa visita è stata proprio un bel regalo.