Chiesa Neo-Apostolica in Italia

News Chiesa regionale Italia

Fuori il nubifragio, dentro la pace
10.09.2017 / Carrara
Servizio divino di festa domenica 10 settembre 2017 a Carrara con l’apostolo Camenzind. Sabato si è svolta una riunione dei responsabili distrettuali dell’Italia e del Ticino.

Domenica 10 settembre 2017, nella chiesa della comunità di Carrara, l'apostolo Rolf Camenzind, accompagnato da tutti i responsabili distrettuali dell'Italia e del Ticino, ha regalato il suo servire ai presenti. L'apostolo Camenzind ha iniziato il servizio divino con la parola tratta dalla lettera dell’apostolo Paolo ai Romani 14, 19: “Cerchiamo dunque di conseguire le cose che contribuiscono alla pace e alla reciproca edificazione”.

Il nubifragio
Quella mattina tutta l'area circostante, in alcune zone in maniera più significativa che in altre, era stata colpita da un nubifragio, rendendo difficoltosi gli spostamenti, addirittura impedendo a taluni di essere presenti in chiesa. L'apostolo ha proposto una riflessione. Quella di cercare la pace in noi, ma anche la pace tra di noi, allontanando i pensieri negativi e le azioni che possono portare ad una divisione, ad un allontanamento delle persone, del nostro prossimo.

Contribuire alla pace
Anche nei momenti difficili, possono essere tanti i futili motivi, nel quotidiano, tra membri della Chiesa, all'interno delle singole comunità, ma anche tra familiari, conoscenti, che possono causare una divisione. Un cambiamento della nostra natura può invece portare alla ricerca dell'unione e dell'aiuto reciproco. Poter trovare od offrire una spalla su cui poggiarsi, potersi aiutare e sostenere a vicenda, sono azioni che aprono le vie alla pace.  Solamente in questa maniera, è possibile giungere all'edificazione spirituale alla quale si riferisce la parola. La pace, infine, è raggiungibile attraverso la grazia che solo il Padre ci può donare.

Anche l'anziano Walter Baumgartner, prossimo alla sua messa a riposo, ha potuto servire all'altare. Egli ci ha evidenziato come unicamente grazie ad una reciproca collaborazione si possa giungere ad una solida edificazione. Attraverso l'esempio di come questo possa verificarsi nell'ambito lavorativo, dove varie figure professionali si trovano a condividere uno stesso progetto, diventa fondamentale collaborare. Solamente con una buona collaborazione si può giungere ad un buon risultato. Così è nella vita di fede. La nostra casa spirituale diventa più solida se tutti noi contribuiamo alla sua edificazione.

Anche l'evangelista di distretto Ivan De Lazzari ha potuto condividere i suoi pensieri dall'altare; egli ha posto l'accento sull'importanza di cambiare modo di vedere le cose. Confidando in Dio e seguendo la via che Egli ci indica, ci porta ad affrontare gli imprevisti della vita con la pace nel cuore, con maggiore serenità.

I doni
Il servizio divino ha regalato ancora doni alla comunità di Carrara. Infatti, l'apostolo Camenzind ha potuto dispensare il dono dello Spirito Santo attraverso il Santo Suggello ad un nuovo membro della Chiesa. E' stato anche ordinato un nuovo diacono, Lorenzo Bedini, un altro bel regalo alla comunità.

Il servizio divino è stato arricchito da canti e pezzi musicali, eseguiti con grande impegno dai vari cori ed orchestra, dei bambini, dei giovani e dei più grandi.

Dopo il servizio divino, al quale erano presenti anche le comunità di Firenze e Pieve Fosciana, invitate per la domenica particolare, è stato possibile vivere tutti assieme un momento di comunione e condivisione, davanti a cibi e bevande preparati con grande cuore dalla comunità ospitante di Carrara.